Skip to content

Papaye

23 ottobre 2012

Non so che genere di vita si possa condurre, oggi, in una cittadina come Afgoi, vicino a Mogadiscio. Io ne ho un ricordo risalente a trent’anni fa: un villaggio, niente di più, circondato da una vegetazione lussureggiante (bouganvillee, ibiscus, acacie…un pochino d’ombra e persino frescura, in contrasto con l’aridità della boscaglia) e specialmente da piantagioni di banane e papaye (le papaye somale: immensi frutti, anche di 1 o 2 kili di peso, dalla polpa arancione e dolcissima); un villaggio sorto vicino al fiume Scebeli, il fiume rosso – infatti la caratteristica di quella zona era proprio il rosso della terra fangosa, impastata nei sandali, trasportata fino in città sotto i pneumatici delle vecchie fiat o delle Jeep. Conservo di Afgoi un’immagine quasi fotografica nella mia memoria (fotografica perchè immobile): alcune capanne di fango (rosso) dal tetto di paglia, una donna e alcuni bambini davanti alla porta, uno di loro è un bimbo di poco più di un anno, nudo e con la pancia gonfia, molto gonfia. Poi custodisco in me un’altra immagine, ma questa è più filmica, dinamica. Una piantagione di papaye sullo sfondo; uno spiazzo (ovviamente di terra rossa) davanti ad una grande capanna aperta; un uomo, all’ingresso della capanna; una fila di bambini che, arrivati davanti all’uomo, tendono il braccino magro. Forse è una vaccinazione: si tratta di un medico. No! L’uomo traccia una riga su ogni braccino, con una biro nera o blu; alcuni bambini ne hanno già diverse decine. Come mai?

Era il carico. Ogni riga era un carico di papaye.

§

Annunci
6 commenti leave one →
  1. 23 ottobre 2012 13:10

    Bella e buona testimonianza, Tania. Quando ero ragazzo segnavo gli uccelli uccisi con una tacca sulla carabina.

    • pioggiadinote permalink*
      23 ottobre 2012 21:52

      Proprio l’idea di usare quel segno (un segno sul corpo) è particolarmente crudele e umiliante, dato che serviva a tenere il conto per la “ricompensa” al lavoro minorile in un luogo dove si muore di fame.
      La tacca sulla carabina è una lontana associazione, ma forse non poi così lontana – e fa male anch’essa.

  2. arte64 permalink
    24 ottobre 2012 08:55

    Il peggio è che sicuramente esistono (e sono esistiti) luoghi dove si fa una tacca sulla carabina per ogni persona, anche bambino, che si è uccisa direttamente. Piuttosto che indirettamente, con un lavoro minorile da fame.
    Sfumature dell’orrore.

    • pioggiadinote permalink*
      24 ottobre 2012 22:44

      Esistono certamente, anche se riesce difficile crederlo – e facile dimenticarlo – a chi vive in società e paesi “sicuri”, dove i diritti umani sono generalmente rispettati.

  3. 24 ottobre 2012 10:32

    Il massimo dell’orrore? ‘Nella colonia penale’ di Franz Kafka.

    • pioggiadinote permalink*
      24 ottobre 2012 22:51

      Sono d’accordo- orrore in campo letterario. Ho letto quel racconto più di 20 anni fa, e nonostante le letture stratificate e sommate fino ad oggi, sono d’accordo.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: