Skip to content

Anatomia del cuore

16 febbraio 2015

la-selva-oscura-iii-847x1024

Annaspare. Respirare diventa faticoso quando un (il) desiderio sollecita i sensi senza alcuna possibilità di essere appagato; annaspando, il cuore si affatica (alla lunga, irrimediabilmente).

Aritmia. I componenti di una relazione possono vivere la relazione stessa in modi anche affatto diversi, nel senso della qualità e della quantità. Prenderne atto, anche quando lo si è sempre saputo, genera come minimo delle aritmie.

Atri. Generosi, come pompe elargiscono a mani piene, quasi distrattamente, molto più di quanto non gli sia chiesto. Non si accorgono che servono delicatezza e misura, anche quando si regala. Perchè è opportuno usare delicatezza verso colui che riceve un dono senza averlo chiesto, e verso se stessi, affinchè l’impegno emotivo non diventi insostenibile.

Camere. Il cuore è spartito internamente da camere. Tale spartizione può essere iniqua. Nel tentativo troppo disordinato di cercare il bene, si può far del male. Non si ama chi ci ama davvero, e viceversa; si sprecano energie e sentimenti verso persone che non ci amano.

Fibrillazione. L’attesa, l’assenza di comprensione, la lontananza fisica e gli equivoci che ne derivano, generano stati emotivi alterati e amplificazioni delle sensazioni e dei sentimenti.

Infrangersi. I cuori si in-frangono, ovvero si frangono dall’interno, da soli (talvolta l’oggetto del sentimento non ne è al corrente oppure non se ne accorge).

Paura. La causa più frequente dei sentimenti amorosi inespressi. Non si teme l’altro, si teme il proprio io innamorato.

Sensibilità.  Un gesto dettato anche solo da gentilezza o umanità occasionale, per l’altro può significare molto e innescare il presentarsi di sentimenti reali, ingombranti.

Sfinimento. I sogni possono sfinire il sognatore, ma non finire essi stessi. Sostengono il peso dell’emotività e lo esprimono; al di fuori dei sogni quel peso, amplificato in fase onirica, spesso risulta insostenibile.

Ventricoli. Assetati, si innamorano perdutamente e chiedono molto più di quanto non possano trattenere.

§

Chi vuol aggiungere qualcosa? Inserite i vostri commenti, con i quali integrerò questo post.

§

(Pallidissima imitazione di Barthes, naturalmente)

 

 

 

 

Annunci
No comments yet

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: