Skip to content

Un’onda del mare

17 marzo 2010

  

(…) when you dance, I wish you 

A wave o’ th’ sea, that you might ever do

Nothing but that (…).

 

William Shakespeare, The Winter’s Tale, atto IV.

 Quando danzi, vorrei che fossi

un’onda del mare, per fare null’altro che quello,

muoverti, muoverti sempre,

senza altra funzione.

(Traduzione non mia)

 

Da sempre affascinata dal mare per i suoi colori e per la sua densità e per la dinamica delle sue acque, mi è familiare l’idea di cercare un’identificazione con le onde, ma non avevo mai associato il loro fluire a un movimento danzato –  mentre l’inverso, ovvero riconoscere onde e flussi nelle forme e nei movimenti coreutici, è diventato quasi un luogo comune.

In questi versi è scritto il miglior augurio che si possa fare a chi vive per danzare – o viceversa – ma si tratta anche di una delle immagini più poetiche a cui ogni soggetto amoroso vorrebbe essere avvicinato. 

 

Annunci
No comments yet

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: