Skip to content

Le osterie

14 gennaio 2011

 

A me piacciono gli anfratti bui
delle osterie dormienti,
dove la gente culmina nell’eccesso del canto,
a me piacciono le cose bestemmiate e leggere,
e i calici di vino profondi,
dove la mente esulta,
livello di magico pensiero.
Troppo sciocco è piangere sopra un amore perduto
malvissuto e scostante,
meglio l’acre vapore del vino
indenne,
meglio l’ubriacatura del genio,
meglio sì meglio
l’indagine sorda delle scorrevolezze di vite;
io amo le osterie
che parlano il linguaggio sottile della lingua di Bacco,
e poi nelle osterie
ci sta il nome di Charles
scritto a caratteri d’oro.

 

Alda Merini, Poesie (da “Vuoto d’amore”)

 

§

 

Annunci
2 commenti leave one →
  1. arte64 permalink
    19 gennaio 2011 22:39

    Bella. Io ogni volta che leggo la Merini (e altri) capisco che non ha senso che io continui a scrivere poesie. Poi mi passa.

    • taniapallabazzer permalink*
      20 gennaio 2011 18:32

      Io mi sono un po’ fissata con la Merini, ultimamente. In realtà ho pochissimi veri amori tra i poeti, però quei pochi sono tutti miei prediletti.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: